Chi e' on-line
 71 visitatori online
Login



Aggiungici su Facebook!
RizVN Follow Us
Follow us on FacebookFollow us on Twitter

DIVENTA ANCHE TU PATTUGLIATORE FISPS-AKJA

COME DIVENTARE PATTUGLIATORE

Grazie alla continua collaborazione con la federazione Italiana Sicurezza piste sci, le nostre tecniche di soccorso, di recupero e di prevenzione sono in continua evoluzione, e oggi un Pattugliatore è chiamato ad offrire un servizio di ottimo livello che richiede passione e spirito di gruppo, oltre al tempo da dedicare  all'Associazione (almeno 20 giorni all'anno ).

REQUISITI NECESSARI ED ITER FORMATIVO

Come nella maggior parte delle associazioni di volontariato bisogna aver raggiunto la maggiore età e non aver superato il sessantacinquesimo anno, bisogna godere di buona salute e possedere discrete capacità sciistiche. La passione per la montagna e una buona dose di tempo libero completano la lista.

Una volta per essere un soccorritore “bastava” sciare bene; oggi, secondo quanto stabilito dalla Regione Lombardia, bisogna avere capacità sciistiche paragonabili al livello “argento avanzato” della Scuola Italiana Sci (curve a sci paralleli, su piste da sci rosse e nere) e sapere eseguire lo spazzaneve e lo scivolamento laterale in percorso obbligato. Per testare queste capacità annualmente l’Associazione organizza una selezione sciistica per soccorritori, tappa fondamentale per poter partecipare al corso soccorritori su pista da sci. Il corso FISPS segue le indicazioni della Regione Lombardia e ha la durata di circa 200 ore al termine delle quali il candidato otterrà il brevetto FISPS di Pattugliatore e la certificazione sanitaria di soccorritore su pista da sci del 118. Prima di iniziare il corso, coloro che saranno risultati idonei alla selezione, dovranno fare una stagione di affiancamento durante la quale potranno vivere la giornata del soccorritore, in ogni suo servizio nelle stazioni da sci. Il corso, che solitamente inizia a settembre, è diviso in una parte sanitaria e una tecnica. La prima parte è condotta da istruttori del 118 facenti parte del Centro di Formazione Regionale Accreditato AKJA e da docenti medici. La formazione prevede 120 ore di corso, di cui 50 teoriche presso il Palamonti a Bergamo, sede dell’Associazione e 70 ore pratiche sul campo, nelle stazioni sciistiche dove FISPS-AKJA presta servizio. La seconda parte, quella tecnica, avviene con docenti federali ed esterni quasi interamente nelle stazioni sciistiche, permettendo all’allievo d’apprendere con più facilità le tecniche di movimentazione materiali/personale in sicurezza e
imparare a condurre, sempre in sicurezza, la tipica “barella da trasporto infortunati su pista da sci” dal nome akja (parola di origine scandinava da cui prende il nome l'associazione).
Alla fine delle 200 ore l’allievo affronterà l’esame dove dovrà dimostrare, in squadra con altri colleghi, di saper identifi care il problema sanitario del traumatizzato, saperlo trattare con i presidi giusti, caricarlo sull’akja e trasportarlo in sicurezza utilizzando le tecniche alpinistiche apprese. Il tutto davanti a una
commissione tecnica composta da istruttori federali e da personale medico del 118. Ottenuto il doppio brevetto potrà iniziare a svolgere servizio attivo presso le stazioni in cui opera l’Associazione.

Le spese per la formazione sono elevate perché oltre a tutto il materiale didattico, verrà consegnato il casco, ski-pass per le circa 20 uscite sulla neve e l’aspirante sarà seguito sempre da istruttori altamente specializzati in tutti i giorni del corso. Inoltre, avrà una copertura assicurativa per gli incidenti che gli potrebbero capitare durante il corso o i danni che potrebbe arrecare a terzi. È dunque richiesto un contributo da parte dell’allievo.

Clicca qui inviare la tua richiesta di contatto.

L’Associazione è attiva anche nel periodo pre e post stagione invernale facendo assistenza a manifestazioni sportive specialmente in montagna, in collaborazione con il CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico). Le richieste sono numerose e pertanto sono richiesti parecchi soccorritori per adempiere il servizio. Inoltre, in questo periodo, continua la diffusione dell’immagine dell’Associazione e la ricerca di nuovi volontari attraverso fiere e manifestazioni come la “Festa del Volntariato” organizzata dal CSV di Bergamo e la “Fiera Alta Quota”.

L’associazione Akja conta una settantina di soccorritori volontari, appositamente formati, impegnati sulle piste da sci di Foppolo e Carona, San Simone, Pi, Lizzola  e Adamello Ski.

 

Ultimo aggiornamento (Martedì 29 Ottobre 2013 15:12)

 
Shinystat